Genova contro la Pena di Morte. Testimone della pena capitale in Bielorussia nelle scuole genovesi



Anche nel 2017 il Comune di Genova aderisce, su invito della Comunità di Sant’Egidio, alla campagna delle “Città per la vita” contro la pena di morte, dando voce alla lotta per i diritti civili in Bielorussia, l’ultimo stato d’Europa e dello spazio post-sovietico dove ancora sopravvive la pena capitale.







Giovedì 30 novembre, alle 17.45, nella sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale, dopo il saluto di Arianna Viscogliosi, assessore al Personale e alle Pari opportunità del comune di Genova, interverranno la responsabile per la Liguria della Campagna per l’abolizione della pena di morte della Comunità di Sant’Egidio, Simona MerloLuca Borzani, e Andrej Paluda, attivista dei diritti umani in Bielorussia. Gli studenti della Scuola di recitazione del teatro Stabile leggeranno brani sul tema della pena capitale.
Alla stessa ora verrà esposto e illuminato sulla facciata di Palazzo Ducale lo striscione della Campagna, per affermare l’adesione di Genova alla rete delle Cities for life.



Andrej Paluda, Bielorusso 


Paluda sarà ospitato la mercoledì 29 novembre alle h.11 al liceo Fermi e giovedì 30 novembre alle h.11 al liceo Leonardo da Vinci per assemblee con gli studenti sui tema della pena capitale, della giustizia, della vendetta e del perdono..

Il 30 novembre del 1786 venne abolita, per la prima volta, la pena di morte in uno stato, il Granducato di Toscana. Da allora molta strada è stata fatta nel cammino che porta alla liberazione dalla pena capitale nel mondo. Ma tanto si può e si deve fare ancora contro questo strumento altamente inumano oltre che inutile, dato che non funziona come deterrente e riduce gli Stati a meri esecutori di ingiustizia.

La Comunità di Sant’Egidio, che negli ultimi anni ha portato avanti una campagna in tutti i continenti per giungere ad una moratoria universale, organizza l’incontro

Nello stesso giorno oltre 2.000 “Città per la vita” nel mondo illumineranno i loro monumenti per dire di “no” alla pena di morte. Si tratta ormai di un movimento che coinvolge migliaia di persone in tutti i continenti e che è riuscito, attraverso un paziente impegno collettivo e rapporti con i diversi governi, a diminuire il numero dei Paesi mantenitori, a partire dall’Africa che potrà essere, in futuro, il secondo continente libero dalla pena di morte.
Oggi, 28 novembre, si svolgerà, a Roma, presso la Nuova Aula dei Gruppi parlamentari della Camera dei Deputati, il decimo Incontro internazionale dei ministri della Giustizia per “Un mondo senza pena di morte”, promosso dalla Comunità di Sant’Egidio insieme al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione italiano e alla Confederazione svizzera.

In questi giorni, inoltre, molti artisti del mondo dello spettacolo e della musica  – tra loro Max Giusti, Pierdavide Carone, Giulia Luzi, il Trio Medusa – stanno pubblicando sui loro canali social le adesioni alla campagna mondiale con lo slogan “Quando si parla di vita umana non si fanno eccezioni, #penadimortemai”.


© Riproduzione riservata



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.