Genova.- Casa America invita alla presentazione del libro “Tre anni a Buenos Aires”

Genova.- Mercoledì 12 giugno alle ore 17.00 presso la sede dell’Università di Genova (Aula Mazzini, via Balbi 5, III piano) si terrà l’incontro La dittatura in Argentina (1976-1983) con la presentazione del libro Tre Anni a Buenos Aires (1975-1978) dell’ambasciatore Bernardino Osio.

Interverranno, assieme all’Autore, il Rettore dell’Università di Genova, Paolo ComanducciRoberto Speciale, presidente di Fondazione Casa America, la professoressa Fulvia Zega, presidente dell’associazione internazionale AREIA (Audioarchivio delle migrazioni tra Europa e America latina) e docente di Istituzioni dei Paesi di Lingua spagnola presso l’Università “Ca’ Foscari” di Venezia, e il professor Marco Cipolloni, docente di Lingua e Traduzione spagnola presso le Università degli Studi Genova e di Modena e Reggio Emilia.

L’ambasciatore Osio è stato ambasciatore italiano in diversi Paesi, in particolare dell’America latina. Tra il 1975 e il 1978 lavorava presso l’ambasciata a Buenos Aires. Era l’inizio della crudele dittatura dei militari argentini. Nel libro si ripercorrono quelle vicende drammatiche e il ruolo che l’Ambasciata, in quella tempesta orrenda, cercò di adempiere per salvare vite umane e far conoscere la tragedia al mondo.


L’ingresso è libero

Per info:

Fondazione Casa America
via dei Giustiniani, 12/4 – 16123 Genova
tel. 010 2518368 fax 010 2542183
http://www.casamerica.itinfo@casamerica.it

Riproduzione Riservata 2019



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.